Last updated: 25 May, 2022

Il simbolo della Madre

Il simbolo della madre
Spiegazione del simbolo data dalla Madre

Il cerchio centrale rappresenta la  Coscienza Divina.

I quattro petali rappresentano i quattro poteri della Madre.

I dodici petali rappresentano i dodici poteri della Madre manifestati per il Suo lavoro.

La Madre


Quattro poteri della Madre

Parlando dei quattro poteri della Madre, aiuta sapere che in India, tradizionalmente, il principio evolutivo della creazione è conosciuto e adorato come la grande Madre. Sri Aurobindo distingue quattro principali poteri e personalità attraverso cui questa forza evolutiva si manifesta.


Maheshwari

Una è la sua personalità di ampiezza calma, e saggezza comprensiva, e tranquilla benignità, e compassione inesauribile, e maestà sovrana e incomparabile, e grandezza che tutto governa.

Mahakali

Un’altra incarna il suo potere di forza splendida e passione irresistibile, il suo carattere guerriero, la sua volontà travolgente, la sua impetuosa rapidità, e la forza che scuote il mondo.

Mahalakshmi

Una terza è vivida, dolce e meravigliosa con il suo profondo segreto di bellezza e armonia e bel ritmo, la sua opulenza intricata e inafferrabile, il suo fascino irresistibile, e la grazia accattivante.

Mahasaraswati

La quarta è fornita di vicina e profonda capacità di conoscenza intima, e lavoro attento e perfetto, e quiete e perfezione esatta in tutte le cose…

Per sapere di più sui quattro poteri leggi il piccolo libro di Sri Aurobindo ‘La Madre’, in cui descrive la natura, il carattere e il ruolo della Madre Divina

I simboli della Madre a colori

I colori dei dodici petali

Nel marzo 1934 Sri Aurobindo indicò i colori dei dodici petali appartenenti al simbolo:

il Centro e i quattro petali, bianchi,

I dodici colori tutti differenti in tre gruppi:

1. Il gruppo in alto rosso, passando all’arancio verso il giallo

2. Il gruppo successivo giallo, passando attraverso il verde verso il blu,

3. E il terzo gruppo blue, passando attraverso il viola verso il rosso.


 Se il bianco non è conveniente, il centro può essere d’oro (polvere).


(Traduzione italiana di Sandra Sampietri)