Last updated: 17 Jun, 2022

Il Padiglione Italiano

Italia: un ponte di comunicazione

La stessa conformazione geografica dell'Italia suggerisce l'idea di un ponte: nella forma di un grande stivale che attraversa il mare mediterraneo (il "Mare Nostrum" dei Romani), sembra volersi lanciare dall'Europa verso l'Africa, dall'Est verso l'Ovest, dal Nord al Sud del pianeta.


Nei secoli avanti Cristo, il Sud Italia era porto per le navi che arrivavano dalla Fenicia e dall'Egitto verso ovest. Nel secondo secolo avanti Cristo, l'Italia fu popolata da colonie greche, da cui  cultura, arte e filosofia greca si diffusero, attraverso i commerci, verso l'Europa occidentale e del Nord.


L'impero romano, nel suo aspetto positivo, fu il principale fattore unificante di culture che si estendevano dall'Egitto e dalla Mesopotamia alla Scozia, giungendo con le sue navi e il suo commercio fino all'India, fino a Pondicherry a pochi chilometri da Auroville) dove è stato trovato un insediamento romano.


L'Africa (e Cartagine) erano così vicine all'Italia, che una volta il senatore romano Catone "il censore", durante un dibattito al Senato, poteva mostrare un cesto di fichi freschi pronti per essere mangiati, che erano stati raccolti a Cartagine e trasportati via nave a Roma.
Il governo e l'amministrazione dell'Impero romano erano organizzati in modo che i paesi dominati sarebbero diventati parte della cittadinanza romana: in questo modo Roma e il mondo latino stavano incorporando culture come il greco, l'egiziano, l'arabo, il francese, lo spagnolo, il britannico ...


Anche al momento della caduta dell'Impero Romano, l'Italia fu di nuovo il ponte per le invasioni "barbare" di Visigoti, Ostrogoti, Unni, Vandali, Alani, dalle terre tedesco-slave, per i Saraceni del Sud-Est, Svevi e Normanni dal nord.
Nel Medioevo, con Roma non più grande potere politico, le Repubbliche marinare italiane Venezia, Amalfi, Pisa, Genova, con il loro intenso commercio con il vicino ed estremo Oriente, costituivano il legame tra Occidente e Oriente. Allo stesso tempo, i monaci Amanuensi nei loro remoti monasteri, erano i custodi e i propagatori delle antiche culture, perse dopo la distruzione della Biblioteca di Alessandria in Egitto.
Marco Polo è stato il primo uomo a viaggiare dalla Repubblica veneziana alla Cina e tornare con un rapporto dettagliato sulle abitudini e la cultura dell'Estremo Oriente con il suo libro "Il Milione".


Essendo tradizionalmente residenza dello Stato Vaticano del Papa e della religione cristiana, l'Italia fu anche il trampolino di lancio delle Crociate da parte di cavalieri e soldati provenienti dall'Europa nord-occidentale verso Turchia, Israele e Gerusalemme.
Al centro di tutte le comunicazioni del mondo, come era inteso il mondo ai tempi, l'Italia era la culla della cultura, della letteratura, dell'arte, della musica e della scienza.
L'età rinascimentale, anche se il paese era diviso in piccoli stati indipendenti, diede vita a artisti della letteratura come Dante Alighieri, Petrarca, Boccaccio, nelle arti visive come Giotto, Masaccio, Botticelli, Leonardo da Vinci, Michelangelo, Giorgione, Raffaello, Tiziano, Benvenuto Cellini, Palladio, Vasari, Tintoretto, Caravaggio, Bernini, nella musica come Giovanni Bellini, Pierluigi da Palestrina, Vivaldi, e anche nella pianificazione di strategie politiche come Niccolo 'Machiavelli ...

Italiano era il marinaio Cristoforo Colombo che, con il supporto finanziario e logistico della regina spagnola Isabella, salpò dal Portogallo per "circumnavigare il globo" dimostrando così che non era una "piastra piatta" al centro dell'Universo, scoprendo occasionalmente l'America lungo la strada ... Altri esploratori italiani navigarono dietro di lui, da Amerigo Vespucci che diede il suo nome all'America, a Giovanni e Sebastiano Caboto, Verrazzano, ecc.
Pur non essendo al centro del potere continentale, l'Italia era tradizionalmente il campo di battaglia per gli stati che volevano espandere i loro domini, come la stessa Spagna, la Francia di Napoleone, l'Austro-Germania-Ungheria del Kaiser, ecc.


Anche durante la seconda guerra mondiale, l'Italia fu il ponte e la portaerei naturale dell'esercito americano per invadere l'Europa da sud e sconfiggere definitivamente il Reich tedesco di Hitler.
Nella sua storia millenaria, l'Italia è stata invasa o attraversata da tutti i tipi di persone e culture straniere, da Greci, Fenici, Saraceni, Arabi, Spagnoli, Unni, Vandali, Normanni, Francesi, Austriaci, Tedeschi dal Nord, Americani…
Non solo la tendenza a navigare, scoprire, comunicare, ma le risorse insufficienti hanno spinto, nel corso della storia, milioni di italiani ad emigrare, prima nel Nord Europa, poi nelle Americhe, infine in Australia e in ogni paese del mondo.


Nella creazione dell'Unione Europea, con i trattati di Roma del marzo 1957, l'Italia fu tra i fondatori e i sostenitori più convinti e fermi di un'integrazione economica e culturale tra gli stati del "Vecchio Continente": ora, dopo la creazione dell'euro, l'Europa come entità consolidata è una realtà.
Sia la diffusione dell'Italia nel mondo, sia l'accettazione forzata di dominazioni straniere, hanno fatto della penisola italiana la culla di una speciale cultura multiculturale, oggi così unica nella bellezza dei suoi resti artistici per il godimento del mondo.

La bellezza geografica e la varietà dei paesaggi italiani, dalle Alpi saldamente situate nel Centro Europa, alla Sicilia completamente immersa nel Mar Mediterraneo, passando attraverso gioielli come Milano, Venezia, Firenze, Roma, Napoli ..., il clima temperato che consente ampie tipologie delle coltivazioni agricole permettendo così una grande varietà di piatti, per non parlare di vini, oli e formaggi, hanno fatto del nostro paese la residenza o meta turistica preferita da tutto il mondo.


Ancora oggi, sfortunatamente in questo caso, l'Italia è ancora il ponte per i poveri rifugiati dall'est e dal sud del mondo sottosviluppati, al ricco nord-ovest.


La comunità italiana ad Auroville, con i suoi oltre 170 membri, è la quarta in consistenza numerica, dopo indiani, francesi e tedeschi.
Gli auroviliani di origine italiana sono stati e fanno parte della storia di Auroville, del Matrimandir, dei giardini, dei frutteti e della foresta, dell'architettura e dell'urbanistica, della cultura, dell'arte, della ricerca, dello sport, della salute, delle terapie, della musica, di restauro come è nella nostra tradizione e, naturalmente, comunicazione ...
In Auroville, pur non avendo ancora, come quasi tutte le nazioni presenti, un proprio "padiglione" ufficiale nella Zona Internazionale (facendo parte comunque del temporaneo Padiglione Europeo), il Padiglione Italiano si e' reso promotore di molte iniziative, mostre, concerti, esposizioni d'arte, conferenze, spesso con il supporto del Consolato, dell'Ambasciata italiana e dell'Istituto Italiano di Cultura in India.
"Un popolo di poeti, filosofi, santi, navigatori, artisti, cuochi ... e comunicatori ...".

Pagina presentata da Manohar (Luigi Fedele)


Altre pagine in lingua italiana